Reumatologia Piacenza

Centro di Reumatologia a Piacenza con la Dott.ssa Brunella Bigliardo

Il centro medico polispecialistico Rocca è una struttura privata nata con l’obiettivo di offrire al paziente servizi rapidi ed efficienti.
Grazie al supporto dell Dott.ssa Brunella Bigliardo, che ha scelto il Centro Medico Rocca, il nostro centro ambulatorio di reumatologia è oggi tra i più rinomati di Piacenza.
Per il Centro Medico Rocca, sono concentrate tutte le migliori qualità che un paziente vorrebbe trovare in un ambulatorio medico: un’atmosfera accogliente e professionale, collaboratori disponibili e pronti a soddisfare qualsiasi esigenza del paziente.

Se sei alla ricerca di un reumatologo a Piacenza, il Centro Medico Rocca e’ la scelta corretta.

La reumatologia è la branca della medicina che si occupa delle malattie reumatiche, patologie caratterizzate dall’infiammazione e degenerazione delle articolazioni e, a volte, dall’interessamento degli organi interni (reni, polmoni, vasi sanguigni e cervello). Le malattie più spesso trattate dal reumatologo sono:

  • i reumatismi infiammatori, come i reumatismi articolari acuti e l’artrite reumatoide;
  • le connettiviti, ad esempio il Lupus sistemico, la sindrome di Sjogren, la dermatomiosite, la sclerodermia e le vasculiti;
  • le artriti causate da agenti infettivi, come la malattia di Lyme;
  • le artropatie da alterazioni metaboliche e da microcristalli, come la gotta e la condrocalcinosi;
  • le spondiloartropatie;
  • malattie degenerative come l’artrosi;
  • reumatismi extrarticolari, ad esempio fibromialgia, borsite e periartrite;
  • le malattie delle ossa, ad esempio l’osteoporosi, l’osteomalacia e il morbo di Paget;
  • il morbo di Raynaud.

Il reumatologo può utilizzare molte procedure diverse per diagnosticare e trattare i reumatismi. Fra le più utilizzate sono inclusi: esami del sangue e delle urine, radiografia,ecografia articolare, TAC, RMN, capillaroscopia

Individuando una malattia reumatica per tempo è possibile ridurre al minimo le sue complicazioni a lungo termine. Per questo è possibile fissare una visita reumatologica a Piacenza, presso il Centro Medico Rocca, in caso di:

  • dolore e gonfiore alle articolazioni
  • astenia prolungata
  • mail di testa (magari con problemi alla vista) o febbre associati a ves elevata;
  • dita che diventano bianche o blu con l’esposizione al freddo;
  • sfoghi cutanei associati a dolore alle articolazioni o febbre;
  • rigidità mattutina o mal di schiena che si aggrava al mattino e diminuisce con l’attività fisica.

La capillaroscopia è una tecnica diagnostica non invasiva per lo studio del microcircolo.

Le malattie che causano danni al microcircolo (microangiopatie) sono varie, tra le quali il diabete mellito, l’ipertensione arteriosa. Le malattie reumatiche, in particolare il fenomeno di Raynaud e le connettiviti tra cui la Sclerosi Sistemica  sono tuttavia i principali campi di applicazione della capillaroscopia, poiché in queste patologie è possibile rilevare reperti capillaroscopici caratteristici, di elevato e precoce valore  diagnostico.

La capillaroscopia è utilissima nella diagnosi dell’eritema pernio (geloni)

Lo studio “in vivo” del microcircolo viene preferibilmente effettuato a livello periungueale per la facile accessibilità del distretto da esplorare e perché a livello periungueale l’asse maggiore dei capillari decorre parallelo rispetto alla superficie cutanea, mentre a livello delle altre aree cutanee l’asse delle anse capillari è perpendicolare alla superficie.
L’esame capillaroscopico periungueale andrebbe effettuato a livello di tutte le dita. Le migliori condizioni di visibilità dei capillari si rilevano generalmente a livello del quarto e quinto dito.

Lo studio  del microcircolo può essere effettuato anche in sedi diverse da quella periungueale. La capillaroscopia della mucosa orale (labbro, gengiva) può rappresentare un’utile alternativa alla capillaroscopia periungueale, specie in soggetti con ridotta trasparenza cutanea. La capillaroscopia del labbro inferiore, in particolare, risulta di agevole esecuzione.

In particolare tramite la capillaroscopia sono valutati la trasparenza cutanea, la visibilità del plesso venoso subpapillare, la densità e la distribuzione spaziale dei capillari, la struttura architettonica della rete microvasale, le caratteristiche morfologiche delle anse, il diametro del tratto afferente (arteriolare) e efferente (venulare), il rapporto tra il diametro di questi due tratti e le caratteristiche del flusso ematico.

Attualmente la capillaroscopia viene svolta con il videocapillaroscopio a fibre ottiche, con telecamera miniaturizzata, che riprende la zona da esaminare. Nel caso della capillaroscopia ad una mano, le dita vengono poggiate su una superfice stabile e quindi viene applicata sulla cute una goccia di olio (cedro) allo scopo di migliorare la visualizzazione.

L’esame necessita di ughie pulite e libere da smalto ( non applicare smalto nella settimana precedente l’esame).

Mettiamo al tuo servizio la nostra professionalità

Richiedi una visita specialistica con i migliori medici